Finalmente La Notte, genesi di una rock band all’italiana

 In Musica, Uncategorized

Finalmente La Notte.

Ascoltare il nuovo disco della band toscana porta indietro di qualche anno, quando a farla da padrone sui palchi di tutta Italia erano solo gli amplificatori delle chitarre distorte e non anche gli impianti collegati alle seppur fighe e fiammanti Nord Stage.

Volevo fare bene è un album rock, impreziosito da splendide linee melodiche della voce di Yuri Salihi, autore anche di tutti i testi.

È un disco curato nei minimi dettagli dalla band insieme al produttore Andrea Marmorini. Non una rullata, non una nota di basso o synth è fuori posto, né una plettrata di chitarra. È armonico e ruvido allo stesso tempo, ed è antico: nasconde una consapevolezza e una esperienza che è difficile associare a ragazzi ventenni. Composto e tranquillo, sicuro di sé. Sono aggettivi e locuzioni che sentire associati ad una produzione musicale possono far storcere il naso e far sorridere, ma tant’è. Ha l’odore di “classico” della band da appena edito. È ragionato e studiato, ma naturale al tempo stesso.

È un album pieno d’amore, tanta riflessione e tante notti passate a scrivere. 

La Copertina di "Volevo fare bene"

La Copertina di “Volevo fare bene”

Volevo Fare bene è la sigaretta fumata da solo, sul balcone prima di andare a dormire. È quel momento di riflessione che ti prendi da solo, appoggiato al muro, e in cui pensi effettivamente alla giornata appena trascorsa, a ciò che è successo e a ciò che invece avresti voluto fosse accaduto.  È un racconto dell’amore ed è contenitore di dichiarazioni d’amore date da consapevolezze di diverso tipo. A partire da quella di Muscoli in cui si tirano le somme e si capisce che in fondo quello stare insieme è anche convenienza mascherata da amore, a quello della title track Volevo Fare Bene “eh si mi vedi distrutto, è che ho dato tutto, volevo fare bene”. È una frase bellissima perché racconta quello che spesso è il primo vero amore, in cui ci si dà totalmente, annullando anche il proprio io pur di vedere quel sorriso sulle labbra che è in grado di risollevare qualsiasi giornata di merda. A questa affermazione, però, non c’è una risoluzione. Volevo fare bene, ci ho messo tutto me stesso per riuscirci, ma ci sono effettivamente riuscito? La conclusione non è data, ma lasciata in sospeso.

Un piccolo grande capolavoro del disco è Ho visto la scena, brano acustico che riporta ai Kings of Convenience, che pure racchiude immagini e situazione romantiche ed evocative di momenti di dolcezza e pace di coppia: “togliersi i vestiti quando fa sera, mettersi sotto le lenzuola quando fa sera, mangiare un panino sotto le stelle e ancora limpido ad attraversare il cielo”.

In generale il disco potrebbe dividersi in due: dalla prima traccia alla sesta A tempo con te (dai richiami spiccatamente verdeniani), e le restanti quattro. Il primo segmento di disco è sicuramente quello più emotivo e più ricco di pathos, in cui almeno sotto il punto di vista testuale, già si toccano tutti gli punti chiave che poi vengono ripresi anche negli ultimi brani che, nonostante mantengano un livello elevato, hanno sicuramente meno impatto e verve dei primi.

La battaglia dei giorni miei e Sotto assedio sono forse i brani più rock del disco e riprendono gli echi dei compagni di etichetta (la WoodWorm Label) Fast Animal Slow Kids, mentre la psichedelica Buddah Bar è la chiusura perfetta del disco: chiude il cerchio di indecisione e incertezza che e pervade il disco, e porta alla risoluzione e ad un momento di certezza, parlando dell’arrivo del momento in cui si è pronti ad affrontare nuove sfide, ciò che sta per arrivare, forti delle esperienze vissute.

Volevo fare bene è un disco rock italiano come non se ne sentivano da tempo. Speriamo che i live possano rendere giustizia a queste promesse fiorentine e che possano ottenere il riconoscimento che meritano, anche se in fondo di questo, chi se ne frega.

[yasr_overall_rating size=”medium”]

Beach Flavour

Beach Flavour

Alle tue spalle
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca