Sex Education, a lezione di sesso e sentimenti su Netflix

 In Serie Tv

Il 2018 è stato per certi versi l’anno di Netflix che con un’offerta copiosissima ha soppiantato il caro vecchio streaming pirata e ha scalato le vette di produzione delle serie tv. Il suo catalogo è stato altalenante proponendo al pubblico grandi successi (vedi Stranger Things) così come grandi flop (tipo Elitède gustibus). E per il 2019 cosa ci riserverà? Le premesse sembrano ottime, se si pensa al film diventato in pochissimo campione di “visualizzazioni” Bird Box con un cast eccezionale che vanta attori della portata di Sandra Bullock e John Malkovich ma soprattutto se pensiamo al serie uscita lo scorso 11 gennaio e che sta facendo moltissimo parlare di sé, raccogliendo il favore della critica: Sex Education. Serie britannica di produzione originale Netflix creata da Laurie Nunn e diretta da Kate Herron insieme a Ben Taylor.
Celebrata da molti come la nuova Skins, la serie con quello humour british sottile e un po’ impacciato affronta il delicato tema della sessualità adolescenziale lasciando la parola agli stessi teenager, uno in particolare Otis Milburn (Asa Butterfield), sedicenne disfunzionale con la fobia del sesso e una madre ninfomane e sessuologa, che spinto da Maeve Wiley (Emma Mackey), bad girl/figa della scuola con una madre eroinomane che l’ha lasciata sola e un padre inesistente, mette su una clinina di educazione sessuale per i suoi compagni di liceo.
Le 8 puntate di Sex Education di circa 45 minuti ciascuna si muovono così su un doppio filone: da un lato i pazienti di Otis e dall’altro il percorso personale dei due protagonisti e delle persone a loro più strette (familiari, amici, fidanzati, ecc.), binari paralleli portatori di un unico bagaglio di insicurezze, paure, tenerezze che accomunano questi adolescenti che muovono impacciati i primi passi nella giungla del sesso.


Lontana dalle stereotipizzazioni tipiche di telefilm come Gossip Girl, Beverly Hills, o simili che vede una contrapposizione netta tra i fighi della scuola e gli irrimediabili sfigati, le difficoltà sessuali funzionano in Sex Education come una livella che mette tutti sullo stesso piano: nessuno si salva di fronte a una perfomance sessuale scadente, a problemi di erezioni, alla difficoltà di raggiungere l’orgasmo. Lentamente però questa educazione sessuale millantata nel titolo sfuma diventando una ben più complicata e flaubertiana educazione sentimentale, perchè ciò su cui batte sempre il saggio Otis (“Sei un ragazzino, ma ragioni come un vecchio” gli dice un compagno di classe) è sempre la sfera emotiva, dimostrando ogni volta quanto un problema sessuale sia solo l’esternazione di un disagio emotivo interiore.
Gli unici che rimangono, per scelta, fuori dalla terapia sono proprio i due protagonisti Otis e Maeve, i più incasinati, i più emotivamente terrorizzati, così diversi nell’affrontare i propri disagi eppure così simili nelle ansie di non essere accettati e capiti.
Sex Education si muove con leggerezza calviniana in questo labirinto intricato senza lasciare fuori neppure temi importanti e al centro di dibattiti sociali globali quali il bullismo, l’aborto, il femminismo, l’omosessualità e lo fa sempre dal basso, lasciando aperti spiragli e interpretazioni, abbattendo gli stereotipi e cercando invece di far riflettere senza dittature o imposizioni.
L’atmosfera in cui i personaggi si muovono è quella hipster, in voga al momento, con abiti a cavallo tra il punk, il glam e la moda anni ’80. Menzione speciale alla colonna sonora che va dagli Smiths ai Joy Division, all’indie rock moderno (una chicca per gli amanti del genere).
Insomma Netflix apre il 2019 col botto e molte sono le serie di prossima uscita già annunciate, non ci resta che prendere i popcorn e prepararci a dispensare pollici a gogo, se saranno in giù o in un su resta da vedere…

Nike Del Quercio

Nike Del Quercio

Se dovesse essere descritta con tre frasi, queste potrebbero essere: non riesce mai a stare ferma e appena può salta su un aereo; viaggia sempre con un libro in borsa, tipo copertina di Linus; parla tanto, a volte troppo, ma ogni tanto dice anche cose intelligenti.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca