Puerto escondido, Zipolite e Mazunte. La costa Pacifica del Messico.

 In Viaggi

“Ma perché hai scelto Puerto escondido?”

“Mi piaceva il nome”.

Così citava una scena del film “Puerto escondido” di Gabriele Salvatores. Esattamente come appare nel film è nella realtà. Puerto escondido è la prima tappa di un tour per hippie.
Bella, esotica, con le sue spiagge che tra l’ombra delle palme e le onde altissime sembra di essere appunto, in un film.
I tre pueblecitos, a pochi km gli uni dagli altri, sono la  faccia di un Messico spensierato, leggero. Un Messico che si gode la vita in maniera semplice. Tra un tuffo nel mare sempre agitato, ad una camminata lungo la spiaggia. Zone selvagge e verdi, palme di cocco, surfisti incalliti, e l’odore di tanta marijuana che proviene dalle migliaia di capanne hippie lungo la costa. Musica, artigiani e tanto relax.

Tra le tre, forse Puerto escondido è la più turistica. Playa Zicatela è davvero un must se scegliete questa zona, ma occhio: fare il bagno qui è proibitivo. La forza del mare gioca brutti scherzi, quindi lasciate spazio ai surfisti esperti. Qui l’Oceano Pacifico non potrebbe portare peggio il suo nome.
Il luogo non offre più di spiagge e piccoli locali. Nonostante ciò, ogni anno i festival danno vita a questo angolo di paradiso. Dal full moon party, al festival internazionale di surf.
Migliaia di turisti accorrono ogni anno mescolandosi agli abitanti locali che, generalmente, conducono una vita tranquilla, ma all’arrivo dei gringos si danno alla pazza gioia.
L’intera area offre diverse attività quali: pesca sportiva, immersioni, avvistamento di delfini e tartarughe marine.
Insomma verrebbe da fare esattamente come Mario, il protagonista del film di Salvatores: lasciare il lavoro, lo stress e le abitudini dannose della società occidentale per scappare in questo paradiso terrestre.

Simile ma molto più spinta nel suo animo hippie è Zipolite. Questo luogo con poco più di mille abitanti, si trova a 50 km da Puerto escondido. Zipolite è una meta tranquilla quanto estremamente mistica.

puerto escondido

Le strade non asfaltate, i chiringuitos ai lati della carreggiata e le capanne costruite in paglia, vi porteranno in un luogo senza tempo. Zipolite è scelta per la sua aria di libertà, lontana da preconcetti e pregiudizi. A Zipolite, in spiaggia così come in strada, si pratica il nudismo. Non spaventatevi dunque se andando a bere un jugo de naranja e vi troverete accanto qualcuno che è completamente nudo come mamma l’ha fatto; tanti sono gli europei che sono letteralmente scappati dal Vecchio Continente per vivere una vita fatta di sole, mare e relax.
Qui vi consiglio di visitare Playa del amor, ma siate discreti: la spiaggia porta questo nome per un motivo ben preciso…

“Una sera uscendo da un ristorante vegetariano stavo quasi per essere investito. Ma non era una macchina, bensì un cavallo nero che maneggiato da un ragazzo nudo&ubriaco, si divertiva a scorrazzare tra le vie del paese.”

In ultimo, voglio parlarvi di Mazunte, l’ultima tappa di una costa pazzesca. A Mazunte non lascio semplicemente bei ricordi, bensì un pezzo grande del mio cuore.

puerto escondido

Mazunte è il mix perfetto tra divertimento e relax. Meta ambita dai tanti backpackers, sarà difficile non imbattersi nelle storie dei tanti viaggiatori stravaganti che affollano le sue spiagge. Immaginate di svegliarvi su di un’amaca, mentre il vento soffia sul vostro viso. Immaginate aperitivi al tramonto con la musica che vi porterà a ballare sotto gli alberi di cocco. Mazunte è il posto che più di tutti mi ha folgorato. Un’atmosfera serena, in un luogo sereno, con abitanti altrettanto sereni.

Ma il diamante di questo posto si chiama Punta Cometa. Da questa montagna potete affacciarvi su entrambi i lati dell’Oceano Pacifico. Un luogo dove cielo e mare si fondono, dove il sole cade in acqua durante il tramonto più emozionante che abbia mai visto. Prima di arrivare in cima, attraverserete quello che viene definito bosque energético: una passeggiata tra una folta vegetazione a picco sul mare. Qui le leggende abbondano. Utilizzato prima dalle civiltà pre-ispaniche come luogo di studio astrologico, grazie alla sua esposizione a sud, divenuto poi fortino militare dei molti pirati della zona. Si crede che sotto le montagne di Punta Cometa siano nascosti numerosi tesori. La sacralità di questo posto è tangibile.
Da dicembre a marzo potrete avvistare l’arrivo delle balena al calar del sole.

Cosa aspettate a visitare la faccia felice del Messico? 

Per maggiori info consulta il sito: https://www.fusiontravel.info/

 

 

Francesco Fusi
Sono nato a Napoli ed anche se odio tanti aspetti della mia città la difendo a spada tratta; laureato in lingue all'Università Orientale di Napoli, dopo tre mesi in giro per l'America latina sono tornato dietro lo schermo di un computer, bramando la prossima esperienza zaino in spalla!! Lo yoga mi salva nei periodi di nevrosi. Il viaggio come medicina dell'anima.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Città del Messico