Lavorare viaggiando: si è possibile, adesso vi spiego come

 In Viaggi

Un po’ come il messaggio di Will Smith nel film Io sono leggenda: “Mi chiamo Francesco Fusi e sono un viaggiatore ossessivo, vi scrivo dalla mia scrivania in ufficio, con il mio lavoro da impiegato. Lavorare viaggiando si può, basta solo volerlo!”

Immagine correlata

A chi non piacerebbe girare il mondo, viaggiare e lavorare. Ma chi realmente ha la volontà di farlo? Non si tratta tanto di coraggio, ma di essere disponibili ad un cambiamento forte, a tratti radicale. “Cerca un lavoro”, “Vai all’università”, “Costruisciti un futuro” e perché no “Metti su famiglia”, per quanto scontate possano essere queste frasi rappresentano lo standard di vita della maggior parte delle persone che ci circondano. Ma c’è anche chi sceglie una vita senza certezze, senza scalate sociali da inseguire, una vita fatta di cambiamenti, relazioni interpersonali precarie; una vita senza una fissa dimora, e magari una vita viaggiando. “Tanto prima o poi ti stanchi, mica si può viaggiare per sempre”. Bene, se state pensando a questa frase, cambiate articolo. E’ un po’ come dire a chi ha dei tatuaggi “e se poi un domani non ti piacciono più”… noiosi!

Se il vostro spirito è quello del globetrotter e anche voi siete affetti dalla sindrome di wanderlust, non abbiate paura ad ammetterlo, non abbiate timore di passare per 1) pazzi, 2) immaturi, 3) eterni sognatori. Sognate e non fatevi fermare, il pregiudizio uccide l’anima, così come le persone che non incentivano le vostre passioni. Non serve altro che preparare uno zaino, attrezzarsi del necessario ed indirizzarsi verso una strada lavorativa che vi permetta di viaggiare.

Risultati immagini per viaggiare

ECCO ALCUNI LAVORI CHE POSSONO PERMETTERVI DI STARE IN GIRO, PER POCO O MOLTO TEMPO CHE SIA.

  • INSEGNANTE DI LINGUA: se conoscete una o più lingue potete proporvi tranquillamente come traduttori o insegnanti. Ovviamente non nelle scuole o in ambienti accademici dove quasi in tutto il mondo si ha bisogno della scalata al concorso o concorsone. Già conoscendo l’inglese, a seconda del vostro livello ovviamente, potrete impartire lezioni private ma anche iscrivervi sui tanti siti da freelancer (uno a caso www.upwork.com) e trovare il lavoro che fa al caso vostro.
  • LAVORARE NEGLI OSTELLI: Oramai è il lavoro più praticato dai viaggiatori seriali. In cambio di vitto e alloggio molti ostelli danno la possibilità a viaggiatori di inseguire il proprio sogno: viaggiare! In maniera estremamente economica sarà possibile visitare diversi luoghi non pagando per dormire. Mica male.
  • HOUSE SITTING: Avere una casa, ma che non sia la tua. Mi spiego meglio: sempre più persone cerano chi si occupa della propria casa con magari animali domestici annessi. Questa può essere un’altra ottima occasione per viaggiare, non pagando l’alloggio ed avere tempo a disposizione per vivere le proprie passioni.
  • WEB DESIGNER/SEO MANAGER: Insomma un freelancer! Chi cura siti in internet, chi si occupa di grafica o semplicemente chi ha una buona padronanza con il computer ed è sempre al passo con le novità, molto spesso non conosce minimamente la faccia dei propri clienti. Da molti definita la nuova modalità di lavoro: il web è un mondo completamente aperto. Tanta dedizione e studio vi permetteranno di girare in lungo e in largo ed avere anche stipendi da urlo. Ah dimenticavo siete voi a scegliere quanto lavorare!
  • SCRITTORE: se nel passato serviva una penna ed un foglio, oggi vi basta un laptop. Chiedere collaborazioni a testate giornalistiche online, vendere i propri articoli, è possibile e sempre più persone lo fanno. Da guida online di viaggi al giornalismo vero e proprio. Scrivere e viaggiare restano forse le attività più affascinanti da fare.
  • TRAVEL BLOGGER: per quanto assurdo possa sembrare, quello dei travel blogger/influencer e youtuber sono a tutti gli effetti dei veri e propri lavori. In alcuni casi con retribuzioni stellari. Bisogna accettare la modernità per conviverci serenamente. Probabilmente tra i tanti lavori citati questo è quello più arduo a causa della spietata concorrenza. Nulla però è impossibile e con un ottimo smartphone e tanta inventiva anche questa può diventare un’eccellente maniera per visitare a tempo pieno il nostro pianeta.

Immagine correlata

El que lee mucho y anda mucho ve mucho y sabe mucho.”

[ Miguel de Cervantes]

Quello che legge molto e cammina molto, vede tanto e conosce tanto

SE VUOI SCOPRIRE DI PIU’ SEGUIMI SUL MIO SITO:  https://www.fusiontravel.info/

Francesco Fusi
Sono nato a Napoli ed anche se odio tanti aspetti della mia città la difendo a spada tratta; laureato in lingue all'Università Orientale di Napoli, dopo tre mesi in giro per l'America latina sono tornato dietro lo schermo di un computer, bramando la prossima esperienza zaino in spalla!! Lo yoga mi salva nei periodi di nevrosi. Il viaggio come medicina dell'anima.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca