La notte del Corvo di Marco Galli: vivere, morire e rinascere nel Far West

 In Fumetti

Marco Galli è tornato. Ed è tornato in grande stile. La notte del corvo, edito da Coconino Press, è il primo libro disegnato dall’autore dopo una grave malattia, sette mesi di paralisi che gli avevano lasciato in eredità forti difficoltà nel controllo e nei movimenti degli arti.

“Apehands” infatti è lo pseudonimo che l’autore da a sè stesso per sfidare questa malattia. Una sfida pienamente vinta dalla quale è nata un disegno libero e anarchico.

La notte del corvo si inserisce pienamente nel panorama italiano della graphic novel in tema western. Un western rivisitato, estremamente cinico, duro, cruento ma anche grottesco, paradossale. 

Le vicende si svolgono a Bajada, una ridente cittadina costiera del Far West, che si appresta a votare il nuovo sindaco. Le cose peggioreranno con il naufragio di una nave di immigrati, peones “illegali” venuti a cercar fortuna. Sarà compito dello sceriffo Tinto Nada, protagonista di La notte del corvo, tenere tranquilli i cittadini, spaventati dai nuovi arrivati. A complicare le cose, poi, ci si mettono un giornalista venuto da San Francisco e l’improvvisa comparsa in città di un pistolero mascherato più feroce del demonio.

Una storia di migranti, vittime e giustizieri, un parallelismo scontato con la nostra società. Accettare il diverso diventa qui una sfida più che una naturale consequenzialità, i protagonisti cercano un’affermazione personale facendo i conti con se stessi, prima che con gli altri. La narrazione scorre in maniera fluida e imprevedibile, non risparmiandosi citazioni e colpi di scena.

Il tratto di La notte del corvo è libero e anarchico, non segue nessun tipo di schema, disegni surreali e grotteschi perfettamente in linea con la personalità dell’autore.

La notte del corvo è una graphic novel importante per il panorama fumettistico italiano perché non solo segna il ritorno di un grande autore come Marco Galli, ma anche per la riflessione sulle disparità sociali insanabili e sulle ripartenze, anche quando sembra tutto perduto.

Luca Illiano

Luca Illiano

Una passione economicamente tragica per libri e fumetti. Da figlio degli anni 90 amo le citazioni e la nostalgia. Scrivo per disconnettermi dalla realtà.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca