Le bambine ribelli sono diventate donne Indomite

 In Fumetti

L’8 marzo, in occasione della Festa della Donna, BAO Publishing ha lanciato il suo nuovo graphic novel Indomite della giovane illustratrice e fumettista parigina Pénélope Bagieu che, partita nel 2007 dal blog Ma vie est tout à fait, diventato poi un libro, è arrivata a collaborazioni con artisti del calibro di Boulet nel 2012 e alla nomina di Cavaliere delle Arti e delle Lettere nel 2013, durante il Festival Internazionale del fumetto di Angoulême.

Insomma Bagieu ha alle spalle un curriculum niente male e le premesse che questo fumetto fosse un ottimo prodotto editoriale c’erano, ma la trappola era comunque dietro all’angolo.

Sulla scia, fortunatissima e lastricata di successo, del bestseller Storie della buonanotte per bambine ribelli volume I e II, Indomite porta su carta quindici racconti di donne esemplari. E fin qui sembra che la storia si ripeta, qual è allora la novità? Se a colpo d’occhio ci si può fare un’idea di cosa hanno in comune le eroine dei due libri e quelle del fumetto, cos’è che le rende invece diverse tra loro?

Beh, la risposta è nel titolo stesso: le donne raccontate da Bagieu non sono filantrope, non hanno salvato il mondo, non sono combattenti senza macchia e senza paura; sono modelli sì, ma modelli di forza individuale, di coraggio, di intraprendenza. Sono indomite appunto, nella loro diversità, nel loro essere spesso delle outsider, delle escluse dalla società (che sia per questioni politiche o di costumi o per stile di vita) e rivendicano tutte con determinazione la loro singolarità, senza mai chinare il capo difronte a chi le vorrebbe messe all’angolo.

Ecco allora che tra queste coloratissime pagine troviamo Clementine Delait, la donna barbuta, che decise di trasformare la sua particolarità in un punto di forza diventando una star del cabaret, o Margaret Hamilton, la terrificante strega del mago di Oz, così brutta da essere relegata tutta la vita ai ruoli di cattiva malgrado fosse una donna di incredibile dolcezza, o Christine Jorgensen, il primo transessuale della storia a diventare una celebrità del mondo dello spettacolo, fino ad arrivare a Wu Zetian, l’unica donna a diventare imperatrice della Cina, attirandosi inimicizie tali da trasformarla agli occhi di tutti in una dittatrice spietata e dedita ai piaceri sessuali e agli intrighi di corte.

L’altra grande differenza è che le donne indomite di Bagieu non sono “buoniste” come le bambine ribelli di Elena Favilli e Francesca Cavallo, non dicono la cosa giusta e nel migliore dei modi possibili, anzi! Sono ironiche, a volte sboccate, senza peli sulla lingua; non hanno paura di dire quello che pensano, con l’irruenza con cui la pensano.

A questa scrittura leggera e scorrevole, fintamente infantile, e sempre schietta si accompagnano, per 144 pagine, disegni dai colori sgargianti ma ben dosati che si alternano, nelle 9 vignette di ogni pagina, al bianco e nero che smorza l’effetto psichedelico, donando armonia all’insieme.

Bellissimi sono i disegni su due pagine che si trovano a chiusa di ogni storia e che, rispetto al corpus del fumetto, hanno il tratto leggero di un disegno pastellato, privo di contorni, con colori più delicati.

Nel complesso quella di Bagieu è un’opera importante ma al contempo leggera, portatrice di un messaggio non solo di parità tra i generi ma anche di accettazione di sé, che incita a volersi bene e a non avere mai paura della diversità e di mostrarla agli altri.

Perché forse più che delle ribelli, sarebbe meglio essere indomite.

[yasr_overall_rating size=”medium”]

Nike Del Quercio

Nike Del Quercio

Se dovesse essere descritta con tre frasi, queste potrebbero essere: non riesce mai a stare ferma e appena può salta su un aereo; viaggia sempre con un libro in borsa, tipo copertina di Linus; parla tanto, a volte troppo, ma ogni tanto dice anche cose intelligenti.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca