“Il suono del mondo a memoria” di Giacomo Bevilacqua – recensione

 In Fumetti, FumettiNews

di Alessandra Farro

I’ve grown accostumed to her face è una canzone del 1956, creata per il musical My Fair Lady da Frederick Loewe e Alan Jay Lerner. Negli anni è stata riarrangiata da diversi musicisti, tra questi c’è l’incantevole versione di Chet Baker del 1959, contenuta nell’album Chet Baker plays the best of Lerner and Loewe. Ognuno di noi ha una canzone che gli risuona dalla casa toracica e rimbomba, rieccheggiando tra gli organi, fino ad arrivare alle orecchie, alla testa, al cuore.

“Il vostro? Qual è il vostro primo ricordo?
Il mio è una canzone, che mi suona nelle cuffie da tempo,
e che tiene il ritmo dei miei passi,
alla ricerca dell’indifferenza.
Uno, due, tre, quattro…”

9788865437179_0_0_1382_80I ricordi sono la base dell’esistenza, la chiave che ci conduce a prendere delle scelte anziché delle altre e che ci spinge avanti, verso nuovi ricordi, nuovi presenti che si fanno passato. Il suono del mondo a memoria, edito dalla BAO Publishing, è un grahic novel incentrato su questo, sulla potenza dei ricordi, sulla loro inafferrabilità e su quanto siano capaci di condizionarci, senza che alle volte siamo in grado di rendercene conto.
Rappresenta la prima prova a colori del fumettista Giacomo Bevilacqua, oltre a segnare il suo ingresso nel mondo del graphic novel.  Classe ’83, Bevilacqua raggiunge il successo con la serie A panda piace, pubblicata in Francia, in Belgio e in Italia, di cui ha  creato anche dieci cortometraggi animati per LA7. Autore di un fumetto horror per Edizioni BD dal titolo Homo Homini Lupus, collabora, tra le altre, con la Sergio Bonelli Editore, per cui sta realizzando un personaggio di Dylan Dog e un numero speciale, Lavender, de Le Storie.

“Si sbaglia chi pensa che Central Park sia uno soltanto,
esistono migliaia di Central Park.
Ce n’è uno per ogni stagione, clima e tempo atmosferico
e per ogni secondo, minuto e ora del giorno. […]
Io, sinceramente, non ho mai visto
lo stesso parco due volte, in tutta la mia vita.”

centralpark

bevi

Copertina variant

Il suono del mondo a memoria è ambientato in una città, ma non è una definizione del tutto esatta. Quando si pensa ad una città, si è abituati a concepire il luogo come un involucro, in cui degli esseri umani possono trascorrere le loro vite, divorare le loro felicità e i loro dispiaceri, trasferire i loro disagi e curare le proprie ferite. Ma la città che descrive l’autore, New York per l’appunto, è diversa. Ha un cuore che batte e parla ai suoi abitanti, o almeno quelli capaci di ascoltarla. Questa è la storia di un uomo, Sam, che cerca di sfuggire al suo dolore, cambiando residenza per un paio di mesi, investendo il suo tempo nel lavoro, scattando fotografie della città a cui ha domandato aiuto e mantenendo un silenzio lungo quanto la durata della sua permanenza, due mesi. Questo il lasso di tempo che Sam deve passare senza rivolgere la parola a nessuno. Certo, in alcuni casi è più facile che in altri, ma in generale lui ama le sfide e questa non è altro che l’ennesima a cui sottoporsi e prestare fede. Finché qualcosa cambia, ma non nella realtà. Perché le cose cambino nella realtà, bisogna prima che il nostro cervello le percepisca. Infatti le cose cambiano in un altro modo, attraverso lo strumento che Sam usa per creare ricordi, innamorarsi delle cose, le fotografie.

“Era calda, come un coltello lasciato sul fuoco,
e aveva tagliato a metà il mio dolore,
in un secondo, come fosse burro.
Ogni battito del mio cuore era il tonfo
della lama che incontra il tagliere.”

f557ad8e0e9874816e417ac0e4455b45

Questo libro dimostra la viva capacità di Bevilacqua di descrivere le emozioni umane, confrontarsi con le profondità e le contraddizioni che dimorano nella nostra mente e, soprattutto, con le regole che ci costringiamo a imporci per sfuggire al disordine e anche a quanto, quel disordine, sia in grado di condizionare le nostre vite.

“Decine di gomiti che si scontrano tra loro senza chiedersi scusa,
per poi proseguire la loro corsa.
Mi ero trovato, più di una volta, a pensare a quanto,
anche una semplice gomitata, a New York,
avrebbe potuto influire
sulle traiettorie di vita di ogni singolo individuo.”

slide_502352_7004520_free

Il graphic novel è una panoramica incredibile della città di New York che Bevilacqua disegna con cura dei dettagli, ma soprattutto con amore. Riesce a far entrare il lettore all’interno delle strade newyorkesi, nel suo sole e nel suo grigiore, nella sua immensità, nella sua folla instancabile e nella sua solitudine silenziosa. La matita di Bevilacqua, delle volte, è tanto meticolosa da sembrare cinematografica, pronta per essere riprodotta e sottoposta a una cinepresa. Come descrive la stessa casa editrice, nelle informazioni sul libro, “Meno saprete di questo libro fino al momento di immergervi nella lettura, più ve ne innamorerete”, ed è esattamente così, per cui sarebbe un peccato stare ancora qui a scrivere i pregi di questo graphic novel, partendo dalla storia, per approdare agli incredibili disegni della città (e del protagonista, di cui le lettrici femminili si innamoreranno perdutamente, è certo).
Il suono del mondo a memoria è una storia che cattura dalle prime strisce, perché racconta i pensieri di ognuno di noi, le nostre fragilità e i nostri dubbi, ma soprattutto racconta dell’amore, che è quel motore che fa muovere le cose, oltre che le persone.

“Ehi, di che segno hai detto che sei tu?”
“Del tramonto.”
“Fico, anch’io.”

1473417185_cover-il-suono-del-mondo-a-memoria

Alessandra Farro

Alessandra Farro

Nata a Napoli, il suo secondo romanzo s'intitola "Blue", Ultra Edizioni. Sforna pensieri e dipinge ricordi. È innamorata della musica, dei libri e del buon caffè fin da che ne ha memoria. Ha un problema (oggettivo) col tempo, prova a respirare poca realtà e viaggia sempre con una moka in valigia, spesso senza lasciare la sua camera. Quando la vita la confonde troppo, si mette a testa in giù su un tessuto aereo. Ribelle dal 1991.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca