Gli Incredibili 2, supereroi vs cattivi…stereotipi!

 In Cinema e Teatro

È tempo di rispolverare le supertute per la nostra “normale famiglia di supereroi”! Dopo 14 anni arriva al cinema Gli Incredibili 2, sequel del piccolo gioiello che nel lontano 2004  conquistò il pubblico di mezzo mondo. La Pixar non sempre ha sfornato seguiti memorabili (Cars) e mai a distanza di così tanto tempo. I timori erano dunque alti: minestra scongelata o pietanza gustosa dal sapore nostalgico? Scopriamolo.

La storia inizia esattamente da dove l’avevamo lasciata. La famiglia Parr, capitanata da Mr Incredibile (Bob) e Elastigirl (Helen), vorrebbe tornare a combattere il crimine ma per la legge e l’opinione pubblica restano loro la vera fonte di guai. Rassegnati a vivere una vita senza poteri, Bob e Helen vengono quindi contattati dai fratelli Deavor, miliardari decisi a riportare i supereroi alla ribalta. Il piano è semplice: cambiare la percezione della gente condividendo ogni azione dei supereroi, tramite un sistema di telecamere impiantato sulle loro tute. Peccato che dovrà essere solo Helen la paladina del cambiamento, mentre il frustratissimo Bob sarà costretto a badare ai tre figli a casa. Helen si troverà così a combattere da sola un terribile nemico che minaccia il futuro dei supereroi: l‘Ipnotizzaschermi, capace di controllare la mente di chiunque stia guardando un monitor.

Divertente e intelligente Gli Incredibili 2 è il sequel ideale. Esplora nuovi territori arricchendo i punti di forza del primo capitolo, approfondendo senza ripetersi. Come nel primo film, il tema più caro al regista Brad Bird si conferma essere quello delle definizioni sociali. Nel Gigante di Ferro (1999) il robot poteva non essere l’arma per la quale era stato creato; in Ratatouille (2007) un ratto poteva ignorare le basilari norme igieniche diventando un cuoco; ora, negli Incredibili 2, l’eroe macho può restare benissimo a casa a fare il mammo lasciando la carriera al gentil sesso.

Così, mentre Helen sventa attentati, salva ambasciatori e fa bagni di folla, Bob deve affrontare ben altri pericoli tra le mura domestiche: fare i compiti di matematica di Dashiell, consolare i disagi adolescenziali di Violetta, senza contare i travolgenti primi poteri del bebè Jack Jack. Perfetto rappresentante dell’america selfconfident anni 60, Bob continua così a dover rimodulare il proprio ego al di là delle classiche distinzioni di genere. Anche Helen a suo modo vivrà un percorso simile, nella grande città dove sostanza e apparenza, cinismo e idealismo si confondo costantemente.

Come nei migliori film Pixar, Incredibili 2 unisce intrattenimento e riflessioni decisamente attuali. Oltre al lato oscuro della “trasparenza” e al conflitto tra profitto e idee, ci sono infatti le motivazioni per nulla scontate del cattivo Ipnotizzaschermi che vede nei supereroi un modo alienante per liberarsi dalle proprie responsabilità e nella tecnologia un mezzo per scambiare la qualità per un grammo di tranquillità (il nostro Ortolani con il suo Ratman ha anticipato di qualche mese certe riflessioni del film).

Con un ritmo trascinante, Gli Incredibili 2 riprende il meglio del primo capitolo, proponendo un modello allo stesso tempo fedele e alternativo ai paradigmi supereroistici dominanti. In questa fiaba urbana, il superpotere non pone al di sopra degli altri ma è un’espressione di diversità, quasi di disabilità, con la quale poter affermare un’eccezionalità rispetto al conformismo dilagante. Forse non è un caso che Void, superoina new entry, sia doppiata da Bebe Vio. Intrattenimento e attualità formato famiglia, ecco gli ingredienti che fanno de Gli Incredibili 2 un successo assicurato.

Michele Assante

Michele Assante

Abbandonato sulla Terra ancora in fasce, è cresciuto inseguendo un unico grande sogno: diventare un cowboy-pirata-spaziale. Sa bene però che la vita richiede anche concretezza ed è per questo che si è iscritto alla facoltà di Lettere Classiche: per scoprire Atlantide e sconfiggere Cthulhu prima che vengano a riprenderselo gli Alieni.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca