Ermal Meta – Vietato Morire – Recensione

 In Musica

Nella nube in continuo mutamento degli esponenti del pop italiano, le certezze sono poche e forti. I brani, ormai interscambiabili tra i vari interpreti, le melodie fortissime, lo zoccolo duro di artisti storici e una batteria di autori solida e vincente. Autori che spesso si celano, si nascondono senza mai esporsi, magari buona parte dei fruitori non conosce il nome di chi ha scritto le parole del pezzo che stanno cantando.

Ci sono autori che hanno fatto una lunga gavetta da musicisti, hanno provato a sfondare nel mercato musicale con scarsi o sfortunati tentativi, si sono chiusi in una stanza e in una sala d’incisione e hanno ermal-meta-vf-06-2017_980x571continuato a scrivere musica stavolta non per loro ma per altri interpreti, supportati da una popolarità maggiore e hanno goduto di un successo riflesso. Ci sono autori che poi hanno deciso di riprovarci, forti di un’esperienza nella scrittura di brani di successo che pochi possono vantare e hanno provato a rimettersi in gioco sul palco più importante della canzone italiana, Sanremo, arrivando sul podio. Uno di loro è Francesco Gabbani, che in questi giorni sta mandando in overload le pagine di Google, di giornali e rotocalchi, grazie alla sua vittoria con (incredibilmente) una canzone allegra e provocatoria. L’altro, di cui parleremo oggi, è Ermal Meta, che torna a casa con un terzo posto nella categoria “Big” e un premio per la migliore cover, grazie all’interpretazione di Amara Terra Mia di Domenico Modugno.

Dopo la partecipazione allo scorso Festival di Sanremo nella categoria “Nuove Proposte” (e il virgolettato è talvolta necessario) con Odio le Favole, seguita dall’uscita del primo disco da solista, Umano (dopo i tre album incisi con la sua ex band La fame di Camilla), il cantautore albanese si è presentato in gara per il Festival 2017 con un brano molto forte, Vietato Morire, primo singolo estratto dall’omonimo album.

Vietato Morire è un pezzo vibrante, toccante e cantato con una partecipazione incredibile. Un pezzo autobiografico che racconta delle violenze subito da piccolo dal padre e dal grandissimo salvifico amore della madre, che lo ha portato ad essere un uomo diverso. Un inno alla non violenza e e all’amore in ogni sua forma.

L’omonimo album è un doppio disco, che raccoglie in sé tutti i brani del precedente Umano e nove canzoni inedite. Si tratta di un lavoro estremamente radiofonico, semplice, con testi diretti e ottime melodie vocali in cui registri più intimi (Piccola anima che vede un featuring con Elisa, New York, Voce del Verbo) si alternano a brani più movimentati e con un arrangiamento più ballabile (Bob Marley, La vita migliore, Rien ne va plus). Nel complesso è un album con un paio di ottimi brani, per il resto molto omogeneo e senza particolari picchi.
Ragazza Paradiso è davvero una buona canzone, senza pretese, ma si lascia ascoltare con piacere, perfetta per la rotazione radiofonica ma soprattutto magistralmente interpretata. Potrebbe sembrare quasi un classicone modugnano in chiave moderna.

sanremo_2017-16-1150x748

In breve, Vietato Morire è un buon passo avanti nella carriera da solista di Ermal Meta, che si conferma un ottimo autore di canzoni che piacciono e funzionano. Forse l’unico appunto da fare è la mancanza di un pizzico di coraggio per uscire dalla sua comfort zone ed osare qualcosa in più, tanto nei testi quanto negli arrangiamenti. Il tempo per farlo c’è. Un briciolo di sregolatezza in più e ci troveremmo di fronte ad un signor Artista.

Carlo Maria Gallinoro

Carlo Maria Gallinoro

Carlo Maria Gallinoro è nato a Napoli nel 1990. Dai 13 la musica diventa il suo secondo sangue, dai 20 la medicina diventa il suo percorso. Suona chitarra e pianoforte. Fotografa spesso la sua città. Capace di perdersi in un bicchier d'acqua, e di affrontare oceani aperti senza paura.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca