Scogliere e raffiche di vento: le bellezze del Portogallo

 In Viaggi

Non la Torre de Belem, nè tanto meno il fantastico Monasterio de los Jeronimos, quello che mi ha colpito di più di Lisbona è stato di essere sempre affacciato sul mare, tra scogliere mozzafiato e raffiche di vento. I colori dell’Oceano Atlantico si rispecchiano con la luce accecante del cielo portoghese. Lisbona è una capitale magica, un misto di nostalgia e bellezza, decadente e fascinosa. Guai a voi a cercare di farvi capire in lingua spagnola. Il contrasto o meglio la rivalità con i vicini si sente e non poco. Strade strette, tram affollati di turisti e l’odore del Bacalao servito in tutte le salse, spesso in questa vacanza mi sono detto “cara Lisbona, se solo non fosse per le tue micidiali salite…”. Ebbene si gli unici “contro”, di una capitale così unica nel suo stile, sono le interminabili salite che spesso rendono difficile il passeggio. Nonostante ciò Lisbona rappresenta un’eccezione: niente grattaceli, nè cemento che fa da padrone, bensì una capitale ariosa, dove non avrete mai la sensazione di affogare tra grandi edifici.
L’impressione è quella di essere in un grande centro culturale, dove personaggi strani ed intellettuali, sorseggiano il famoso vino: Porto. Nei pressi di Lisbona c’è l’imbarazzo della scelta: Sintra, Cabo da Roca e Cascais sono le mete più ambite dai turisti, sia per bellezza ma soprattutto per vicinanza alla capitale. Nonostante ciò, avendo poco più di una settimana a disposizione, scelgo insieme a quattro amici di dirigermi verso l’Algarve, la regione più a sud della nazione. Questa regione a tratti arida nell’entroterra, riserva paesaggi e spiagge sorprendenti.

Ecco tre luoghi imperdibili:

3) Partendo a ritroso, Lagos. Dal suo affascinante centro storico murato, al sorseggiare una birra dal promontorio di Ponta de Piedade, da fare rigorosamente al tramonto. Negli anni Lagos è diventata un’ottima meta per famiglie che sfruttano la tranquillità di questo posto per rilassarsi. Ma non solo, Lagos ospita alcune tra le più belle spiagge della regione, da Praia Dona Ana a Praia do Piñao, piccole spiagge con acque limpide e scogliere rocciose. Grotte e cave marine rendono il paesaggio estremamente selvaggio. Qualora vogliate rendere più vivace il soggiorno, consiglio vivamente l’unico camping presente in questa piccola cittadina. Un’atmosfera hippie vi accoglierà. Tra musica, amache e aperitivi, il bello di questi luoghi è conoscere viaggiatori e surfisti da tutto il mondo. Incredibile come la felicità di scoprire storie di viaggio diverse vi farà godere anche una “scomoda” nottata in tenda.

2) A soli 45 min di macchina da Lagos si trova Sagres. Onde altissime si scagliano sulle possenti scogliere. Le fortissime raffiche di vento ed il paesaggio di fronte l’oceano vi faranno vivere momenti indimenticabili. Uno dei luoghi più suggestivi e scenografici che io abbia mai attraversato con il mio zaino in spalla. Il faro che da sull’Oceano vi farà vivere il soggiorno con spirito riflessivo. Aspettatevi jeep di viaggiatori che si recano lì, con le loro tavole da surf pronti a sfidare le onde turbolenti e a tratti altissime. Turisti arrivati da ogni dove, con i loro Vaan e Camper sostano a Sagres durante la notte. Inconfondibile la storia di questa località, legata al desiderio di esplorare l’ignoto. In effetti dall’altra parte dell’Oceano si trova l’America. Insomma Sagres è una porta che da sul “nuovo mondo”. Consiglio vivamente un bagno rigenerante nella caletta nei pressi del faro. Se siete dei temerari e non vi spaventano acque gelide, questo è il posto che fa per voi.  Ah dimenticavo, Sagres ospita il Cabo Sao Vicente, l’estremità sudoccidentale del continente europeo. Incredibilmente unico per farselo solo raccontare, andateci!

1) L’ultima, ma in realtà, la mia meta preferita: le cave di Benagil. Prima ancora di vedere questo spettacolo della natura, scegliamo “ad occhi chiusi” un tour in barca di 1h30min. File interminabili di turisti, ci spingono a scegliere questo tour che può essere fatto anche in kayak. I 25 € meglio spesi della vacanza. Le cave di Benagil sono tra le grotte marine più belle al mondo. “La spiaggia dell’amore”. Credo che questo sia il soprannome perfetto per una spiaggia dalla sabbia dorata, con tre finestre sull’oceano limpido e cristallino. Il rumore delle onde ci fa sentire catapultati in una conchiglia gigante. L’effetto del mare che entra in questa grotta crea un suono rilassante e a tratti paradisiaco. Oltre alle due “finestre” che rappresentano le porte di ingresso, la terza dall’alto, permette ai raggi del sole di entrare all’interno della grotta. Inutile raccontarvi i colori che si creano grazie a questo “gioco” della natura. Selfie, occhi spalancati, stupore. I turisti che visitano questo luogo restano estasiati. Impossibile non pensare di passarci una notte lì, baciati dalle stelle e dalla luna, con il rumore dell’Oceano in sottofondo. Ovviamente poco praticabile, le cave di Benagil rappresentano un luogo paradisiaco, ma non sono da sottovalutare le forti correnti, che spesso fanno aumentare notevolmente il livello del mare.

Prima di partire non avevo tante notizie riguardo il Portogallo. Rappresentava un grande punto interrogativo. Andarci senza troppe aspettative e trovare così tante bellezze naturali, tra paesaggi, colori e sapori ha rappresentato una scoperta più che piacevole.

Cosa aspetti? #VISITPORTUGAL 

Francesco Fusi
Sono nato a Napoli ed anche se odio tanti aspetti della mia città la difendo a spada tratta; laureato in lingue all'Università Orientale di Napoli, dopo tre mesi in giro per l'America latina sono tornato dietro lo schermo di un computer, bramando la prossima esperienza zaino in spalla!! Lo yoga mi salva nei periodi di nevrosi. Il viaggio come medicina dell'anima.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca