Childish Gambino – “Awaken, My Love!” – Recensione

 In Musica

Il 2016 di Donald Glover è stato un anno straordinario. Dopo il successo televisivo ottenuto con la comedy Community, in cui interpreta le parti di Troy Barnes, dopo numerose apparizioni in diverse pellicole hollywoodiane, dopo diversi mixtape e due dischi alle spalle, la sua carriera di attore/rapper/autore/sceneggiatore ha avuto questo anno una notevole impennata.
Ha infatti scritto e coprodotto Atlanta, serie tv per la quale ha già vinto il Golden Globe 2017 per Miglior attore in una serie commedia o musicale, ha annunciato la sua partecipazione in Spider-Man:Homecoming in uscita nel 2017, ha dichiarato di dover rimandare di un anno le riprese della seconda stagione di Atlanta, in screen-shot-2016-06-25-at-12-04-03-pmquanto sarà impegnato ad interpretare Landro Carlissian in uno spin-off di Star Wars, incentrato sulla vita di Han Solo. Ha avuto un figlio. E sotto lo pseudonimo di Childish Gambino ha pubblicato il suo terzo album, “Awaken, My Love!”, di cui con colpevole ritardo parleremo quest’oggi.

Chiariamo subito un fatto. Per chi ha amato i precedenti lavori di Childish, probabilmente questo disco risulterà una gran delusione. Per chi invece apprezza le variazioni multiformi di questo artista, potrà restarne piacevolmente impressionato.
“Awaken, My Love!” si discosta infatti dal rap/hip-hop cui eravamo abituati nei precedenti Camp e Because the Internet, per avvicinarsi sempre più al cantato e ad una piacevole commistione di generi musicali, come aveva timidamente accennato nell’Ep uscito nel 2014, Kauai.

Donald Glover plays Earnest Marks in the new FX show Atlanta.

Awaken, My Love!” è un disco estremamente piacevole, che si lascia ascoltare dall’inizio alla fine senza difficoltà e con molti picchi di divertimento e goduria. Ammettiamolo, non è il massimo dell’originalità. Glover ci trascina indietro negli anni ’70, tra sonorità blues, rock, funk che però sanno di già sentito. Di quel già sentito che ti resta sulla punta della lingua, che non ricordi dove l’hai già ascoltato. Poi il lampo, e pensi ai Funkadelic. Andando a riascoltare alcuni brani della band di George Clinton si riscontrano davvero tantissime somiglianze, a volte si sfiora la copia di ritmi e riff, che variano solo di qualche nota. Anche l’artwork di “Awaken, My Love!” sembra ispirarsi alla copertina di Maggot Brain.

Detto ciò, parliamo di un album davvero apprezzabile, già a partire dalla prima traccia, Me and Your Mama, che inizia con un intro che rimanda agli anni ’80 e che improvvisamente si rompe, subisce una frattura spazio-temporale per tornare indietro di un decennio, con un riff e una batteria di zeppeliniana memoria, per chiudere infine con un decrescendo. Have Some Love e Riot sono i brani che maggiormente si avvicinano ai suoni dei Funkadelic ma sono veramente divertenti e trascinanti, nel ritmo, nella melodia, con qualche traccia soul che addolcisce i ritmi a volte serrati.

Boogieman e Redbone sono probabilmente i miei brani preferiti, il primo con un fantastico riff, ottima sezione ritmica e fantastica produzione, come d’altronde tutto l’album, il secondo con una melodia davvero trascinante.

Awaken, My Love!” è un album controverso, da un lato ti prende e ti porta con sé senza che te ne accorga, e pensi che sia troppo bello per essere vero. Poi ti svela il suo lato di album tributo e questo un po’ fa storcere il naso. Al netto di queste considerazioni, è un ottimo lavoro, ben prodotto, magistralmente arrangiato ed estremamente piacevole. Forse solamente l’ascolto prolungato e il tempo ci diranno se ci troviamo davanti ad un disco da ricordare e riascoltare tra dieci anni. Ma nel frattempo, ascoltiamolo e godiamone.

Carlo Maria Gallinoro

Carlo Maria Gallinoro

Carlo Maria Gallinoro è nato a Napoli nel 1990. Dai 13 la musica diventa il suo secondo sangue, dai 20 la medicina diventa il suo percorso. Suona chitarra e pianoforte. Fotografa spesso la sua città. Capace di perdersi in un bicchier d'acqua, e di affrontare oceani aperti senza paura.
Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca